Appunti del Gospel di domenica 14 aprile 2019

Guarda la predica cliccando qui: Domenica Gospel @ Milano | Come trattare il Profetico

Domenica abbiamo ricevuto un importante incoraggiamento su come comprendere e ascoltare la parola di Dio attraverso parole profetiche. Ci sono persone che hanno questo dono e ricevono “informazioni specifiche” per la persona per cui stanno pregando, dicendole cose che hanno a che fare con la loro chiamata e su come verranno usate nel regno di Dio.

In realtà tutti noi, avendo ricevuto lo Spirito Santo e il suo battesimo, siamo chiamati ad adempiere un proposito che solo Lui conosce e ci ha dato la grazia di chiederglielo. Siamo in grado di ascoltare la Sua voce o ricevere dei sogni specifici, o visioni che una volta ricevuti entrano nel nostro cuore e nella nostra mente, perché, in un modo inspiegabile, è di fatto una certezza interiore.

Può accadere però, che ci venga chiesto di fare delle cose al momento davvero impossibili, allora ci potremmo domandare: ma cosa ci fa  credere che abbiamo ricevuto qualcosa dal Signore, che abbiamo un compito specifico sulla terra, dato solo a noi per l’edificazione della chiesa e per tutti? Non dobbiamo scoraggiarci in questo, dobbiamo lottare senza guardare, alle circostanze avverse, alle persone che non credono come noi o non hanno la nostra stessa fede; i famosi “amici di Giobbe”.

Cosa possiamo fare davvero per non perderci quello che ci è stato promesso prima ancora che noi nascessimo? Ancorarci a ciò che dice la Bibbia, ad esempio,

1° Timoteo 1:18 “Ti affido questo incarico, o filgio Timoteo, in accordo con le profezie fatte in precedenza a tuo riguardo, perché tu combatta in virtù di esse un buon combattimento, avendo fede e buona coscienza, poiché alcuni, avendola rigettata, hanno fatto naufragio nella fede”.

C’è anche un’altra chiave importante la tua scelta di essere usato come un canale gradito a Dio, quando abbiamo una buona coscienza abbiamo anche  libertà, non prendiamo presa di posizione con qualcosa o qualcuno, ma continuiamo a combattere. Siamo sicuri che come dice in:

1a Giovanni 2:20 “Ma voi avete l’unzione del Santo e conoscete ogni cosa”.

Isaia 61 dove vengono elencate tutte quelle promesse che tutti noi possiamo afferrare per compiere l’opera di Gesù su questa terra.

Dovremmo ascoltare ed essere più sensibili gli input dello Spirito Santo, solo lui può condurre la nostra nave nel porto sicuro che è la realizzazione del piano perfetto di Dio per la nostra vita.

1 a Giovanni 3:19-20 “E da questo noi sappiamo di essere nella verità e tranquillizzeremo i nostri cuori davanti a lui; poiché, se il nostro cuore ci condanna, Dio è più grande del nostro cuore e conosce ogni cosa”.

Ecco i tweet del Gospel:

  • La cosa più importante è quello che Dio dice di me
  • Chi cammina con una buona coscienza: qualunque cosa chiede, riceve
  • Non c’è nessuno che è in Gesù che non sia in grado di parlare di Lui. || 1 Giovanni 2:20
  • Una coscienza libera ti aiuta perché lo Spirito Santo possa parlarti di più
  • Dio ci parla secondo la nostra coscienza interiore
  • Dio si muove per propositi, Lui non ha perso il controllo delle nostre vite

 

Ilaria

*l’articolo è frutto di appunti liberamente presi da Ilaria, del team writerS, al solo scopo di dare una idea di quanto detto durante il Gospel. In ogni caso questo testo non riporta letteralmente le parole dette dallo speaker e, quindi, non posso essere usate come citazioni dirette.

2019-04-16T19:57:49+02:00